La cattiveria al tempo del corona

arriva l'ora legale1Quasi al termine di questa lunga domenica, e grazie all’ora legale ancora più lunga…. dopo aver ascoltato e letto numerose notizie, sono arrivata alla conclusione che questo coronavirus, sta’ facendo uscire il peggio che è in molti di noi. Ovviamente non in tutti, ci sono anche gesti nobili, ma di più si assistono a gesti e parole di insofferenza. Le persone si cominciano a guardare storto e vedono un nemico in qualsiasi cosa che si muove…sia che sia qualcuno che corre intorno all’isolato della sua casa, o che va in bicicletta, oppure esce col cane. Quando usciamo abbiamo tutti la nostra autocertificazione in borsa ( i miei concittadini ne hanno ideata una per tutte… )autocertificazione livornese

Qualche giorno fa una signora che transitava in bicicletta, si è sentita arrivare uno scroscio d’acqua tirato da una finestra. Ebbene, la signora stava andando al lavoro , è una farmacista e per evitare i mezzi pubblici andava in bicicletta. Ma le persone dalle finestre come vedono qualcuno muoversi sono mosse più da desiderio di aggredire che capire. Fra non molto diventeranno cecchini…

Sui giornali, in televisione, su internet celebriamo come eroi i medici e gli infermieri che si sottopongono a ritmi massacranti e a rischi altissimi per curarci. Ci commuovono, ci fanno pensare all’Italia che piace e combatte e resiste e alla fine vince. Tutto bene finché sono lontani. Ma nei palazzi dove vivono con le loro famiglie sono apparsi cartelli strani, opachi avvertimenti: “Gentile dottoressa, non usi gli spazi comuni”. Come a dire: non infettarci.cattiveria al coronavirus

Ai volontari delle ambulanze, donne e uomini che gratuitamente e per passione ci portano all’ospedale quando stiamo male, sta andando anche peggio: alcuni dei loro datori di lavoro li hanno tenuti a casa per evitare che contagiassero il resto dei colleghi e che la produzione finisse ko.

Ah come tutto si ripete!!! Dopo aver riletto il Manzoni nei capitoli che riguardano la peste, sembra di rivivere l’intolleranza di quei tempi… del resto gli untori sono sempre gli altri . Perché non è vero che, nella difficoltà, diventiamo migliori. Semplicemente, la paura ci fa più brutti, più piccoli, più insicuri. E, a volte, più cattivi.

E’ di due giorni fa la notizia di una signora scippata dalla borsa della spesa da un cittadino straniero in bicicletta. E’ accaduto nella mia città, e non è l’unico caso…

Ma ci sono cose peggiori…gente che occupa le case mentre i proprietari sono in ospedale…oppure delinquenti che rubano mascherine , camici e tute dagli ospedali.

A cosa ancora dovremo assistere? Siamo veramente arrivati al ” dopo ” come ha detto il Santo Padre in quella piazza San Pietro deserta e piovosa, “ci siamo ritrovati papa da solo piazza san pietroimpauriti e smarriti”, e ha implorato Dio di “non lasciarci in balia della tempesta”.

Non so come la pensiate, ma i gesti e le parole del Pontefice sono stati veri atti d’amore per noi e disperazione per quanto sta’ accadendo. Le sue parole si possono basare su un punto che può unire tutti, credenti e non: “La speranza, che mai delude “.

Ed è con questa speranza che vi saluto, aggiungendo anche un filmato girato nella mia città da un mio concittadino per guardare al futuro con un sorriso…

fiduciosamente vostra, Vitty

Autore: vittynablog

Mi piace scrivere e condividere le mie idee con quelle degli altri

17 pensieri riguardo “La cattiveria al tempo del corona”

  1. Fai benissimo a porre l’accento sulla natura umana che esce sopratutto nelle difficoltà!
    Ti propongo di vedere questo video su raiplay che spiega le vere cause del coronavirus (indovina un po’ di chi è la colpa!). Vorrei che tutti lo vedessero e che poi si ragionasse di conseguenza!
    https://www.raiplay.it/video/2020/03/Indovina-chi-viene-a-cena—Il-virus-e-un-boomerang-7f5b2b93-2b26-4a62-aed8-d312f6461f22.html

    Piace a 1 persona

    1. Mamma mia Giordano, il video è molto inquietante, confesso che ho fatto fatica a guardarlo! Ma tant’è, le cose vanno viste perchè solo la consapevolezza ci aiuterà a non commettere gli stessi errori.

      Le persone sono incattivite perchè hanno paura, in più c’è lo spettro della miseria in agguato…speriamo anche per questo facciano qualcosa perchè altrimenti la vedo brutta…una vera guerra civile!!!!

      Piace a 1 persona

      1. Io non credo che la vera natura delle persone cambi. Credo solo che adesso potrebbe essere più evidente.
        Sì, il video è inquietante, in alcune parti. Anche a me ha fatto impressione oltre che far arrabbiare.

        Piace a 1 persona

  2. cara Witty ci si doveva arrivare alla violenza
    la fame e la mancanza di denaro fa fare gesti estremi
    Il Santo Padre ha cercato di far leva sui valori sinceri e innati nell’uomo
    parole e gesti come il suo camminare sotto la pioggia in S. Pietro solo, come l’uomo che è sempre più solo.
    La prova è grande e i tuoi racconti sono lontano da me e i miei monti dove la quarantena dura da un anno all’altro tanta solitudine, ma nessuno si arrende. Tutti già sono alle prese negli orticelli e attendono di poter tornare nei loro boschi per il combustibile da bruciare il prossimo anno. In città che doveva essere il luogo dove la vita era più facile si sta rivoltando. La speranza non deve mai morire è come i sogni l’unica forza in questi momenti.
    Abbi cura di te

    Piace a 1 persona

    1. Caro Andrea, è proprio così, la fame e la mancanza di denaro portano a fare gesti estremi. Speriamo che chi di dovere corra subito ai ripari per non andare incontro a qualcosa come una guerra civile. La disperzione può fare questo e altro!

      Mi piace la serenità , si intuisce dalle tue parole, che regna nel luogo dove vivi. Il regolare il passo con la natura , dona un altro modo di guardarsi attorno. Ho sempre ammirato il tuo modo di vivere, e oggi più che mai vorrei anch’io trovarmi ” lontano dalla pazza folla ” per godermi la serenità che la natura dispensa a chi sa apprezzarla e amarla.

      Anche tu abbi cura di te caro amico!!! 🙂

      "Mi piace"

  3. La cattiveria, carissima Vitty, ci inonderà più di prima se i provvedimenti del governo tarderanno a venire.

    Purtroppo c’è tantissima gente che non sa come andare avanti, non sa come fare per mettere in tavola qualcosa da mangiare. Quì da noi, organizzate dalla Croce Rossa, sono partire delle campagne solidali, sia a livello alimentare che economico. Già prima di questa immane catastrofe mancava il lavoro, ora più che mai, con il fermo di tutte le attività, c’è tanto bisogno di solidarietà.

    Rispetto alle città da noi non ci sono episodi di vera e propria cattiveria, ma la gente ha tanta paura…

    Le parole del Pontefice e la sua figura nell’immensa piazza deserta, sotto la pioggia, sono state emozionanti… speriamo in tempi migliori cara amica.

    Un abbraccio.

    Piace a 1 persona

    1. Speriamo davvero Mary, speriamo in tempi migliori!!! E questi aiuti che il governo promette da un po’ arrivino senza far impazzire la gente con la burocrazia!!! Anche da noi ci sono delle raccolte di cibo per chi non può fare la spesa. Alla Conad viene messo tutto dentro un grande contenitore con questa scritta ” Chi può metta, chi non può prenda ”

      Trovo sia una bellissima idea ti pare? Aiuti arrivano da molte parte, la Caritas è molto impegnata anche con i banchi alimentari. Insomma le persone per aiutare ci sono.Speriamo che questi viveri arrivino a destinazione e non si perdano per strada, come purtroppo è già accaduto ai tempi dei terremotati….

      Augurandoci giorni migliori, ti abbraccio anch’io come quella sera alla terrazza!!!! 🙂 ❤

      "Mi piace"

  4. Perdonami, Vitty, se vado un poco controcorrente rispetto al tema trattato nel tuo accorato post.
    Desidero lanciare qualche verso di speranza, per smitizzare — siamo quasi all’impossibile — il drammatico momento che ci è malignamente piombato addosso.

    Permettimi quindi di inneggiare al nostro Paese, con l’augurio impresso nel verso di chiusura.

    ITALIA PAESE DOLCE E BELLO

    Vale la pena di venire qui
    in questa Italia tanto bistrattata
    . . . e dai politici umiliata,
    ridotta quasi a terzo mondo? . . . Eh, sì,

    soltanto per veder le sue città
    . . . i suoi monumenti . . . le pitture . . .
    le antiche vestigia di chi già
    splendida la fece. Mete sicure

    sono in ogni dove . . . Roma . . . Ancona,
    Venezia, Catania, Bolzano,
    Firenze che dell’Arte è l’icona,
    Napoli, Livorno e Milano.

    Qui dominarono maestri fini,
    sagaci e illuminati: i Visconti,
    i Medici, i Colonna, i Barberini
    a fare il bello e il grande sempre pronti.

    Michelangelo è qui, qui Raffaello,
    Mantegna, Caravaggio e Bellini . . .
    per cui questo Paese è dolce e bello,
    gioia ed invidia di quelli vicini.

    Nessuno mai lo distruggerà,
    anche se qualcuno già ci sta
    tentando, ma non ci riuscirà!

    Vince e stravince bellezza ad oltranza,
    pur se interessi bassi ed arroganza
    provano a far di nave una paranza.

    Che stia il COVID a gran distanza!

    (Cassandro)

    Piace a 1 persona

    1. No, anzi Cassandro ( che bello leggerti ) hai fatto bene! Ci voleva un pizzico di speranza per poter guardare avanti con speranza e ottimismo, perchè l’Italia se lo merita, perchè noi ce lo meritiamo!! Quindi ben venga questa ode all’Italia ” Paese dolce e bello ”

      ” Qui dominarono maestri fini,
      sagaci e illuminati: i Visconti,
      i Medici, i Colonna, i Barberini
      a fare il bello e il grande sempre pronti.

      Michelangelo è qui, qui Raffaello,
      Mantegna, Caravaggio e Bellini . . .
      per cui questo Paese è dolce e bello,
      gioia ed invidia di quelli vicini.”

      Grazie per aver rammentato anche Livorno in mezzo a tante belle città ❤

      "Vince e stravince bellezza ad oltranza,
      pur se interessi bassi ed arroganza
      provano a far di nave una paranza.

      Che stia il COVID a gran distanza!"

      Veramente non c'è nessun Paese che può gareggiare con tutti i tesori e bellezze naturali che ha la nostra bella Italia. E a questo proposito permettimi di riportare uno scritto che ho trovato in rete che fa proprio pandan con i tuoi versi :

      “L' Italia è come quella tipa che ha più talento di tutti, è come quella che le altre se le mangia, perché è nata bella, più bella di tutte e le altre se le asfalta. L' Italia è come quella più ingegnosa, che ha le mani di una fata, che si inventa mille cose, perché è piena di risorse. Sa discutere di storia, di mare, di montagne, sa di cibo, di buon vino, di dialetti, di pittori, di scultori, di scrittori, di eccellenze nella scienza, non c'è niente che non sa. E quando questa tipa bella e talentuosa inciampa e cade, la platea delle sfigate esulta. È la rabbia delle poverine ingelosite, quelle al buio, perché lei è comunque bella anche quando cade a terra. Ma l'Italia è una tipa con stivale tacco 12, ovviamente made in Italy, che nessuna sa portare meglio di lei… solo il tempo di rialzarsi.” #andratuttobene #lagrandebellezza #italia🇮🇹

      Parole belle vero? Parole che ci rendono orgogliosi di essere italiani!

      Passerà Cassandro, passerà questo brutto momento…come disse Eduardo De Filippo nella commedia " Napoli Milionaria " " Ha da passà 'a nuttata…."

      Anche la Nannini lancia il suo grido di speranza….

      Ciao Cassandro, grazie ancora per le belle parole!!!! ❤ ❤ ❤

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...