Babbo Natale gay: la comunità LGBTQ+ ringrazia : io no!!!!

Quando mia figlia me ne ha parlato, dico la verità, non c’ho creduto e ho riso… ” ma cosa dici? Ci mancherebbe altro! Dove l’hai letto?” Ho chiesto quasi con tono di sfida, convinta che mi avesse fatto uno scherzo…invece, invece è verissimo. E qua mi sono arrabbiata e indignata. Ma come si può trovare geniale la rivelazione delle poste norvegesi che in occasione del cinquantesimo anniversario della depenalizzazione dell’omosessualità hanno deciso di girare uno spot in cui Babbo Natale si bacia con un altro uomo !

Babbo Natale! Il pacioccoso nonno, da sempre asessuato, amico dei bambini, in un immaginario mondo fatato, per compiacere la comunità LGBTQ+, ha deciso di farlo diventare gay!!!! E ai bambini non si è pensato? Cosa penseranno quando vedranno il filmato di questo vecchio smagrito ( già nello spot ha perso tutti i chili ) che si abbraccia e si bacia appassionatamente con un altro uomo!

Ora, chiariamo. Io non ho niente contro i gay le lesbiche e chiunque ami chiunque. Rispetto tutti. Ma questa di Babbo natale non lo dovevano fare, dovevano lasciarmi nell’incanto della mia infanzia. Quel magico eldorado anagrafico in cui Babbo Natale era atteso con grande emozione, quel piccolo mondo antico in cui le tradizioni venivano omaggiate per quello che erano, riti condivisi in cui tutti si ritrovavano.

Come se non bastasse, a Modena in una piazza principale hanno messo una statua con tanto di carillon di un babbo natale che balla sulle punte con un tutù di tralci di abeti e lucine.

Dopo le numerose critiche ( almeno quelle!! ) l’autore ha dichiarato che questo” Babbo Natale danza per sollevarsi un po’dal peso che si è portato sulle spalle per tutto questo tempo” Dopo l’abominia del gay, ci mancava anche metterlo nel ridicolo. Un uomo anziano, con la barba bianca che balla con una calzamaglia sulle punte.

Io ci piangerei a questo scempio!!!!

Ecco, se per essere considerata come contemporanea devo dire di sì a queste, come ad altre manifestazioni del movimento di liberazione 3.0, la mia educata risposta è: grazie, ma anche no. Per me Babbo Natale andava benissimo com’era. . questa è tutta roba che serve solo a rovinare le favole.

Vorrei tanto , per il bene dei nostri bambini, passati, presenti, futuri,che Babbo Natale la Befana, il mistero del sesso e della vita., restasse un mistero gioioso. Avranno, si spera, tutto il tempo per scoprire la verità, che quell’anziano con la barba bianca, che dispensa doni viaggiando su una slitta trainata da renne, è una leggenda. Che quello tra il papà e la mamma, o se preferite , tra un maschio e una femmina, non è l’unica forma di amore, fisico e spirituale, che esiste. E che i bambini non li portano le cicogne. E neppure si trovano sotto un cavolo. Non saranno traumatizzati nello scoprire la verità, perchè saranno già più maturi per accettare quelle realtà. Nello stesso tempo resterà nel loro cuore la magia di giorni belli che si porteranno sempre nel cuore.

Arrabbiatissimamente vostra, vitty.

Autore: vittynablog

Mi piace scrivere e condividere le mie idee con quelle degli altri

16 pensieri riguardo “Babbo Natale gay: la comunità LGBTQ+ ringrazia : io no!!!!”

  1. A me non ha smosso nulla. E’ solo una (piccola) variazione sul tema, come ce ne sono tante. Mi indigna molto di più quando si ringiovanisce Sherlock Holmes, o si cambia di sesso a Watson! 😀
    Hai ripetuto più volte che lo preferivi “asessuato”. Capisco cosa intendi, ma per me è asessuato anche così. Non tromba mica! 😉 Dà solo un bacio… Poi non mi preoccuperei affatto di quello che penseranno i bambini. I bambini non penseranno nulla di male. Non ci troveranno nulla di anomalo, dato che, essendo affezionati a Babbo Natale, potrebbero pensare che non ci sia nulla di strano se questo bravo vecchio dà un bacio a una qualsiasi persona a cui porta un dono…

    "Mi piace"

    1. Allibita, arrabbiata, scioccata, perché non riesco a capire il senso di questo stravolgimento, dobbiamo sempre andare incontro agli altri a discapito delle nostre certezze, assurdo, come quando non si doveva fare il presepe nelle scuole per non turbare i non cattolici. Avvilente!!! Fortuna che non siamo le sole a pensarla così.

      Piace a 1 persona

      1. Meno male Stefania che anche tu hai gli stessi miei sentimenti, Come si fa a stravolgere miti dell’infanzia e tradizioni che sono la nostra spina dorsale. Parlano di noi, dicono chi siamo! Non si può rinunciare o accettare cambiamenti radicali in nome di un politicamente corretto. Ma corretto per chi??? Per noi no davvero!!! Difendiamo le nostre tradizioni natalizie e cattoliche. Celebriamo con i presepi la nascita di Gesù Bambino che porta la speranza nel mondo. Questo nessuno ce lo può toccare… Facciamo sentire la nostra voce, forte e chiara!

        Ti abbraccio carissima, leggerti è sempre un’emozione ❤ ❤ ❤

        Piace a 1 persona

    2. Evidentemente Giordano abbiamo punti di vista diversi, e questo non è male, anzi. Sarebbe grave se vigesse il pensiero unico! Però tutto questo politicamente corretto, vorrebbe imporci a pensarla così come loro hanno deciso. Ecco che allora non c’è più libertà di pensiero. Per me Babbo Natale non lo dovevano coinvolgere, era una fiaba, un sogno . Dovevano lasciarlo così. A te per esempio quando ringiovaniscono Sherlock Holmes ti indigni e guai a cambiare sesso a Watson! Come vedi quando abbiamo dei miti, ci teniamo che rimangano così come li abbiamo conosciuti e imparato ad amare. 🙂

      Piace a 1 persona

  2. Mi viene difficile seguire le vicende del nuovo Babbo Natale perché io, da buon siciliano, non conoscevo affatto questo portatore di doni, perché a me bambino i regali li portavano “I morti” di famiglia nella ricorrenza del 2 novembre (usanza che nasce dal non volere intristire i bambini in tale ricorrenza)-

    Quando ero piccolo mi svegliavo prestissimo il 2 novembre perché sapevo che avrei trovato vicino al balcone i regali lasciatimi (in genere trovavo quaderni, libri e matite – a casa mia lo studio stava sempre in prima fila — e per fortuna pure qualche trenino o macchinetta a corda, non esistendo le batterie adatte, con i quali mi deliziavo: ah, una volta trovai pure una palla di gomma!)

    Solo molto più tardi, per motivi letterari conobbi questa figura, tanto amata dai bambini del nord, che non fa quindi parte dei miei miti, come pure quello della Befana.

    C’è solo da dire che però si corre un certo rischio se tutto va avanti così come espliciti, arrabbiatissima Vitty, nel post: infatti, il Babbo Natale gay potrebbe portare regali solo ai maschietti, mentre la Befana, se la faranno lesbica (come probabilmente sarà la prossima Miss Italia, per dichiarazione di una concorrente) i regali potrebbe portarli solo alle femminucce.

    Comunque dato che scrivi “Vorrei tanto . . . che Babbo Natale . . . restasse un mistero gioioso”, ecco come a distanza di tempo potrebbe svolgersi un eventuale dialogo riservato . . . . . . . ..

    DA MADRE A FIGLIA

    Tu dici che non vuoi i miei consigli,
    che ti sai ben gestire anche da sola,
    che sono inutili urla o bisbigli,
    perchè “fai come vuoi!” . . . E il tempo vola

    fra i tuoi aneliti di libertà,
    di assoluta indipendenza in quanto
    è tua la chitarra, dici, e da . . .
    da sola vuoi suonarla in ogni canto.

    Okkei, però non ti scordare mai
    che io sono tua madre, io quella
    . . . che ti ha fatto . . . che incontro a guai
    non vuole che tu vada, e come stella

    sempre ti guiderà . . . fra le cui braccia
    potrai sempre tornar, la sola che
    potrà a te dire: “Làvati la faccia
    così più bella tu sarai di me!”,

    o “Credi ai miti . . . a Babbo Natale,
    ma a quello antico . . . al mio . . . l’originale!”

    (Sergio Sestolla)

    Piace a 1 persona

    1. Che piacevole sorpresa Sergio, sentire i tuoi ricordi di bimbo! Imparare nuove e vecchie tradizioni! Immaginarti bambino che ti svegli presto per andare a vedere cosa ti avevano portato in dono i cari morti. Un modo per sentirli ancora vicini e non dimenticarli mai! Molto bella questa tradizione! Mi chiedo se dura ancora, o se Babbo Natale è arrivato anche dai bambini siciliani, così da poter godere di due feste colme di regali!!!!

      Ho letto proprio in questi giorni chew raccontare la storia di Babbo Natale ai bambini fa bene, perchè li aiuta a sognare, smuove la fantasia!!! E una volta saputa la verità, non verranno turbati, ma resterà nel loro cuore e nella mente, questa figura fantastica che tanto hanno sognato e immaginato. Che ha regalato loro tanti momenti di vera felicità. A tal punto che non esiteranno a tramandare questo sogno ai loro figli, una volta diventati genitori.

      A parte il significato della Natività , il Natale è anche questo….sogno e magia!

      Per questo mi sono molto arrabbiata col vescovo del Siracusano, Antonio Staglianò, che al termine della messa, affollata di genitori e bambini, ha detto che Babbo Natale non esiste, è un’invenzione della coca cola per fare la pubblicità. Ovviamente i genitori non l’hanno presa bene tanto da smuovere la curia per chiedere scusa.

      Sembra che quest’anno non ci sia pace per questo nonno pacioccoso!

      In quanto alla Befana lesbica….dico io, ma cosa c’entra il sesso con questi personaggi! Perchè si deve classificare tutti, quando i bambini ancora non sanno niente del sesso. Mi sembra una forzatura , una brutta per niente istruttiva imposizione.

      Molto belli questi consigli ” Da Madre A Figlia” sarà che mi ci sono un po’ riconosciuta, perchè con mia figlia ho sempre cercato di correggere il tiro delle sue azioni ( non sempre riuscendoci, lo ammetto ) ma dandole la certezza che sempre rarei stata al suo fianco, pronta ad aprire le braccia per accoglierla con l’immenso amore che provo per lei!

      “Okkei, però non ti scordare mai
      che io sono tua madre, io quella
      . . . che ti ha fatto . . . che incontro a guai
      non vuole che tu vada, e come stella

      sempre ti guiderà . . . fra le cui braccia
      potrai sempre tornar ”

      Ah, quanto è bello e quanto è difficile fare la mamma!

      Certo quando era piccolina e si parlava di Babbo Natale , andava meglio!

      Grazie caro Sergio per aver risvegliato in me questi ricordi! Lascia che ti saluti con un vecchio filmato Disney proprio su Babbo Natale! Ciao e buona Domenica!!!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: