Prudenza e Attenzione

Leggendo il Tirreno, fra le notizie on line, una mi ha rattristato in modo particolare.

Fano, padre annega. Un figlio disperso e l’altro in ospedale

Ogni anno, il mare come la montagna vuole le sue vittime. Sulla montagna non posso dare consigli perchè non sono esperta, amo l’aria fresca che può regalarmi l’estate, ma non mi azzardo certo a compiere scalate o escursioni impegnative. Mi limito all’aria fresca e ai panorami. Per il mare invece il discorso è diverso. Ci sono nata, mio padre, ricordo, vigile del fuoco sommozzatore con tanto di brevetto di salvatore a nuoto, ha insegnato a me e a mia sorella più grande ( con la piccola non ce l’ha fatta ) a nuotare, a rispettare e a temere il mare.

Ho scritto più volte queste cose, questi consigli, sempre temendo di essere ” superata” noiosa, pallosa come qualche volta mi sono sentita dire. Però dopo la notizia di un padre che insieme ai suoi figli non ha esitatato a entrare in mare nonostante fosse mosso e nonostante ci fosse tanto di bandierina rossa…col risultato che lui è annegato, il figlio più grande recuperato dai bagnini è ricoverato in gravi condizioni e il piccolo, otto anni, disperso portato via dalle correnti.

Al mare si va per stare bene, non per morire!!! Ricordiamoci sempre che noi siamo niente e il mare immenso. Anche quando ci sembra amico e con le onde ci invita a giocare con lui, ricordiamoci la sua forza….è come se giocassimo con un gigante che ci vuol fare il solletico. Non è consapevole della sua forza…può annientarci con un’ondata , ricoprirci con la sua schiuma bianca come una grossa risata…

Se poi ci sono le bandierine rosse… quello vuol dire Pericolo! Ma pericolo sodo!!!

Insegnamolo bene ai bambini come si sta’ nell’acqua. Non vanno mai lasciati soli.

Mio padre quando ci portava al mare e lo vedeva mosso, tornava indietro, ci portava in pineta. Perchè sapeva che qualcuno si sarebbe tuffato mettendo a repentaglio la propria vita e quella di chi l’avrebbe salvato.

Un’altra cosa che sembra passata di moda ma non lo è affatto, riguarda la digestione.

Dopo mangiato bisogna dare allo stomaco il tempo di digerire. Questo varia da persona a persona, però quelle due-tre ore ci vogliono per non incorrere in congestoni. Se mangiate direttamente mentre siete nell’acqua non fa male. Però se uscite e vi mettete al sole o sotto l’ombrellone, bisogna dare il tempo allo stomaco di digerire perchè lo sbalzo di temperatura , rientrando nell’acqua, può essere fatale.

Un’ultima cosa e la smetto con questi consigli noiosissimi. Non bisogna insegnare ai bambini ad essere coraggiosi, ma rispettosi. Coraggio non vuol dire incoscienza, tuffarsi senza conoscere quel tipo di spiaggia o scogliera, non va bene. Quante persone si sono tuffate non calcolando bene l’altezza dell’acqua o la presenza di scogli nascosti andando incontro così a delle vere tragedie.

Scusate per questi banali , prudenti consigli. Ma dato che mi sento sempre responsabile per tutti i mali del mondo. Non mi sarei perdonata di non averli elencati !!!

protettivamente vostra, Vitty

Autore: vittynablog

Mi piace scrivere e condividere le mie idee con quelle degli altri

22 pensieri riguardo “Prudenza e Attenzione”

    1. Grazie Luisa, soffro molto quando accadono queste disgrazie per negligenza, leggerezza. Oggi bisogna sempre dimostrare qualcosa e la prudenza è considerata debolezza. Mi addolora, davvero tanto!!!

      Buona serata anche a te !! 🙂 ❤ ❤ 🙂

      Piace a 1 persona

  1. Tu, carissima Vitty, non sei mai pallosa, sono sacrosante le cose che hai scritto. Per quanto io ami il mare, so quanto possa essere infido, la prudenza non è mai troppa. Da non sottovalutare i crampi, le correnti e tutto quanto hai elencato alla perfezione! Io ho una vera predilezione per le persone premurose, è solo uno dei numerosi aspetti per i quali mi piaci e ti apprezzo tanto!
    Tua Valy! ❤❤❤❤❤❤❤❤

    Piace a 3 people

    1. Sei davvero molto cara Valeria a non considerarmi ” pallosa ” . Come mamma e pure come insegnante, vigilatrice, ho sempre cercato di prevenirli certi incidenti. Ho sempre sentito la responsabilità dei bambini che mi venivano affidati. Ho trasmesso ai miei figli gli insegnamenti di mio padre. Credo abbiano imparato a nuotare prima di camminare. Anche tu che vivi vicino al mare conosci le bellezze e le insidie che questo comporta, fai bene a non abbassare mai la guardia!!!!

      Anch’io ti apprezzo tanto, ti considero una ragazza coraggiosa e forte che non indietregga di fronte alle avversità. Spero tanto tu sia sulla via di guarigione! Un abbraccio!!! ❤ ❤ 🙂 🙂

      "Mi piace"

      1. Ma non sei pallosa per niente, non ho mai pensato una cosa simile di te, ti assicuro, anzi ti trovo divertente, brillante, deliziosa! Papà da piccola mi chiamava Novella Calligaris e facevamo il bagno insieme, lui con le pinne, ci davamo il bacio 💋 salato, abbiamo giocato tanto insieme, anche con mamma!
        Ti ringrazio per le cose bellissime che pensi di me, io penso lo stesso di te, davvero!
        Credo che ci siamo…., speriamo! Questa sera mio marito ha preparato la pizza! 😋 Sono felice 😃 come una bambina!
        Ti auguro le cose migliori e ti stringo in un forte abbraccio 🥰 😃😃😃😍😍😍🥰🥰🥰🤗🤗🤗❤❤❤💋💋💋

        Piace a 1 persona

      2. Allora nuoti come una sirena!!!! Bella l’immagine di Novella Calligaris 🙂 E buona la pizza, specialmente quando è condita con la serenità e amore!!!! Buon proseguo di serata!!!! ❤ ❤ ❤

        "Mi piace"

    1. Ho scritto il post di getto Romolo, ben consapevole di fare raccomandazioni banali, perchè sono cose sapute e risapute. Ma questo purtroppo, non impedisce che le disgrazie accadono. Speriamo sempre che prevalga il buon senso. Grazie per esserti fermato !! 🙂

      "Mi piace"

    1. Stefania, vorrei come un chioccia, proteggere tutti. Sarà mai possibile? Sarebbe un miracolo se qualcuno si soffermasse sulle mie parole!! Però ho sentito il dovere di scriverle, come quando si fanno le ultime raccomandazioni ad un figlio che esce…. Grazie per l’apprezzamento!!! Un abbraccio e il mio affetto!!! ❤ ❤ 🙂 🙂

      "Mi piace"

  2. Anni fa rischiai anch’io, non tanto di morire, ma certamente non feci una cosa intelligente.
    Sul “pedalò” in Romagna, insieme a Moglie e Figlio, decisi di superare i limiti e poi a causa delle onde non riuscivo più a tornare indietro. Non ti dico che spavento e che fatica.

    Piace a 1 persona

    1. Lo immagino eccome Andrea!! Col pedalò è facilissimo allontanarsi specialmente se le correnti ci spingono al largo. Pedalare controcorrente è faticoso, se ci aggiungi l’ansia… Quindi felice che ti sia andata bene e che tu sia qua a raccontarlo!!! Ciao carissimo, non vedo l’ora si saperti sereno con tua moglie in vacanza 🙂

      Piace a 1 persona

      1. Ho sento che c’è molta confusione con i voli!! Incrocio le dita affinchè tutto si svolga nel migliore dei modi e che possiate partire secondo le vostre prenotazioni 😉 😉

        "Mi piace"

  3. “Prudenza e attenzione” contro i pericoli del mare perchè si rischia a dovere sperare in un salvataggio, se sul — o piuttosto sulla –bagnante imprudenza o disattenzione sono presenti o addirittura voluti e sperati.

    Non ci credi, Vitty? . . . ma io ho qualche testimonianza autentica sul predisporre le carte perché, fino ad una certa età, si realizzi un bel . . . . .

    S A L V A T A G G I O ( Lei )

    Lo vuoi sapere quello che dicevo
    un tempo prima assai che incontrassi
    al mare te, quando che fingevo
    di annegare? . . . Ascoltami. “Che spassi.!..”

    – allora mi vantavo – “ah, che risate! . . .
    entrare in acqua quando agitato
    è il mare, e saltellare fra le ondate
    che addosso me lo spruzzano, ghiacciato!

    Che ridere! . . . c’è sempre uno che
    al mio squittire ‘Chi mi salva? . . . Aiuto!’
    accorre e mi prende, anche se
    sempre da lì . . . da dove come un liuto

    tengo le gambe lisce. Forse così
    si fanno i salvataggi! . . . Ma perchè”
    – dicevo – “oltre a quella mano lì
    l’altra sta sempre accanto al seno? . . . Beh,

    io non indago, pur se a volte penso
    che spesso lor ci marcino . . . Assodato
    però è che son salva . . . Non ha senso
    recriminare poi . . . E poi, che ho dato?

    Mica fa un buco una strusciatina?
    – sarei un buchi-buchi! – oppur se sbatti
    su uno? . . . Eh, no! . . . Piuttosto, una micina
    diciamo che mi sento, in mezzo ai gatti

    . . . e se sto al mare una pesciolina!

    ° ° °

    Specie se stai dove l’acqua è bassa
    e le tue spalle nude volgi a chi
    un poco indifferente prima passa
    e poi gli occhi sgrana lì per lì

    guardando il fiocco che fra i capelli
    in evidenza tieni, e i fianchi snelli

    . . . ed era ora!!!! . . . e le spalle dritte
    siccome ciò che sta pure davanti
    rivolto all’orizzonte, e con fitte
    di desiderio tutto lo incanti.

    Tu fa così, con molto candore,
    al mare per pescare il pescatore!”

    ° ° °

    Questo dicevo tanti anni fa
    chè da che da quel dì tu m’hai salvata
    – andando con le mani anche più in là –
    . . . niente più bagno se c’è mareggiata!

    Il tempo passa pure in ciò: a fondo
    or vado se ci provo . . . Ah, che mondo!

    (Cassandro)

    Piace a 1 persona

    1. Cassandro, tu riesci sempre a sorprendermi. Primo, per le tue capacità di comporre poesie su qualsiasi argomento : chapeau ! Secondo, sugli escamotage che i Lui o Lei di turno adottano per attirare l’attenzione della persona interessata.

      Questa volta Lei è una bella birichina e non sa che certe cose non si fanno. Non si finge di annegare per attirare l’attenzione. Ci sono altri modi molto validi , una donna lo sa, per riuscire a farsi notare!

      E manco può lamentarsi se nella foga del ” salvataggio ” una mano cade qua e una la’ ” E’ un rischio al quale una si espone se finge di annegare ! E mica sono tutti esperti di salvataggio. Magari il ragazzo ha capito la situazione e… ne approfitta, sta al goco. Del resto tutto quel ben di Dio fra le sue braccia ha sortito l’effetto voluto.

      Così ricorda ” la pesciolina ” momenti passati quando ancora gettava la sue rete per ” pescare il pescatore “!

      ” Questo dicevo tanti anni fa
      chè da che da quel dì tu m’hai salvata
      – andando con le mani anche più in là –
      . . . niente più bagno se c’è mareggiata!”

      Però la magia della spiaggia rimane sempre, quindi auguro a questa ” pesciolina col suo pescatore ” di godersi il mare e insieme nuotare!!!

      Un caro saluto Cassandro !!! 🙂 🙂 ❤ ❤

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: