Povera lingua italiana!!!

Nonostante i problemi alla mia mano, non posso ignorare questa nuova moda fra i più giovani. Mi viene da dire ” povera gioventù, come spendi male il tuo tempo!!” Di cosa parlo??? Lascio la parola a Massimo Gramellini nell’articolo scritto ieri 22- 23 Giugno nella rubrica “il caffè di Gramellini” sul Corriere della Sera

(✏️ Massimo Gramellini, “Parlare in corsivo”) Se esiste un momento preciso in cui si diventa vecchi, per me quel momento è arrivato ieri, quando un amico – appena invecchiato anche lui – mi ha confessato che i suoi figli avevano cominciato a parlare in corsivo. «Vorrai dire a scrivere in corsivo», ho manifestato il mio stupore: la scrittura in corsivo era una pratica in voga tra le popolazioni mano-scriventi del passato, ma ormai sopravvive solo nelle ricette dei dottori. «No, questi parlano in corsivo. Anzi, in coorsivooœ…». «Ti senti bene?».
Per tutta risposta mi ha girato un video di TikTok con già 2 milioni di visualizzazioni in cui una ragazza di nome Elisa Esposito insegna a strascicare le vocali allungando le parole come se avessero un’anima di gomma. La lezione di corsivo era nata per fare il verso alla cantilena delle milanesi snob, ma come spesso capita alle trovate ironiche è stata presa sul serio e si è diffusa tra gli adolescenti alla velocità con cui noi vecchi tromboni vorremmo che studiassero Leopardi, anzi Leeoopaardiie. Più che la cadenza milanese, il corsivo parlato ricorda quella cinese, con possibili ripercussioni sulla politica estera (proprio adesso che Di Maio aveva imparato l’inglese e persino l’italiano). Senza contare che spazza via le stucchevoli diatribe sul linguaggio di genere: si dice “cari tutti” o “car* tutt*”? Nessuno dei due, ma “caariie tuuttiie”.
Qualche anziano mio pari non capirà, qualcuno si indignerà, qualcun altro si deprimerà. Molti spereranno si tratti di una moda. Nel dubbio, io alzo le mani e mi aarreendooœ.

Sconsolatamente vostra, Vitty

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: