Vorrei poter disegnare…………..


Avrei voglia di prendere un lapis e disegnare la Leda!!!
Giusto per darle una forma!

Penso sia naturale, quando pensi a qualcosa, prima o poi,cercare di
materializzarla con un’immagine!!!!!

Accade anche nella Religione.
Nonostante crediamo in qualcosa di assoluto e superiore a noi, sentiamo
il bisogno di raffigurarlo in svariati modi.

Per vostra fortuna, la possibilità di farvi vedere un mio disegno,
è impossibile…..!
Peciò, posso contare solo sulla fantasia.

Per prima cosa, me la immagino di legno.
Vuoi mettere la bellezza di una nave di legno contro un ammasso di
ferro??!!
E poi Rifleman, ama il parquè, dunque: legno.

…..Invece di fare tanti giri di parole, ho trovato l’immagine giusta.
Avete presente la nave scuola ” Vespucci “??
Ecco è prprio quella, la nostra Leda!!

Tranquilli, nessuno sarà costretto ad arrampicarsi sui pali delle
vele , come devono imparare a fare gli allievi ufficiali!!!
E i letti, saranno , veri letti, non amache come usano loro!!!

Una parte della nave, sarà riservata ai nostri amici a quattro zampe!
Ache quelli che non ci sono più, e tanta parte hanno avuto nella nostra
vita. Qui scorrazzeranno tranquilli.

E’ un vero peccato che non mi venga nessuna idea brillante !

Dopo gli ultimi episodi, temo mi sia venuto ” il crampo dello scrittore “.

Proprio perchè scrittore non sono, è semplice.

Ha fatto bene Rosagialla, ha organizzare la festa a Pescatore!

Così come Elena , quando ha dedicato una cosa carinissima a Lorenzo!!
Anzi Elena, perchè non lo pubblichi, affinchè tutti lo possano leggere??

E Fragmenta, quel vulcano di tenere idee!

E Meri, che scrive su un giornale, chi meglio di lei!!!!
E Renata, che ha capacità di avverarli i suoi sogni!!!

Vi chiedo solo una cosa, visto che è un sogno, trattatela con cura!!

La’ possono accadere solo cose simpatiche e belle!

Sulla nostra bella nave, c’è posto per tutti, purchè sappiano sognare,
è l’unico biglietto da pagare.

Chi non ha questa capacità, resta a terra.

Ciao ragazzi, ora vi raggiungo alla festa……..Pescatore arrivooooo

Buon compleanno!!
Riferimenti: E’ qui la festa??!!

Annunci

Autore: vittynablog

Mi piace scrivere e condividere le mie idee e quelle degli altri

18 pensieri riguardo “Vorrei poter disegnare…………..”

  1. …sai anch’io quando leggevo gli articoli sulla Leda la immaginavo di legno…un grande galeone…non so perchè di colore rosso…con la scritta grande bianca…LEDA!!!…=)

    Mi piace

  2. Cara dolce Vitty… senza i sogni cosa resterebbe di noi? I sogni sono braccia che remano e fanno andare la nave…
    sono le nostre speranze… sta a noi decidere cosa farne.
    Hai ragione! Cura è la parola chiave…
    rispetto x i sogni e i sognatori
    Quando vuoi…Vitty… io sono qui insieme a tutta la banda della Leda
    andiamo ad assaggiare quella torta meravigliosa?
    Dai vieni, dammi la mano… ti ho già detto quanto bene ti voglio?

    Mi piace

  3. Io non so disegnare. Però posso descriverla, anche minuziosamente al fine di poterla far disegnare. Se volete, e me lo consentite, questo sarà il mio impegno. L’angolo dedicato agli amici a quattro zampe sarà motivo di gelosia fra le più belle navi da crociera.
    Un lediano abbraccio

    Mi piace

  4. Perdonatemi questo rinnovato commento. Fra le altre cose, non possiamo deludere kruunu che ci ha omaggiato della sua presenza ed attende dalla Leda un viaggio da sogno.

    Visto che lavora in finanza, non potremo…..
    Un riabbraccio
    Fragmenta

    Mi piace

  5. rifleman accarezza il vellutato parquet della Leda, mentre i suoi pensieri volano a tutte quelle serate passate ad ammirare il mare, inebriato dal suo profumo, con i compagni di viaggio + splendidi che esistano

    Mi piace

  6. Sono contenta che vi piaccia!!!
    Fragmenta, l’area designata per gli animali, descritta da te, sarà un paradiso!!!!
    Vi voglio bene, vi abbraccio con sincero affetto.
    vitty.

    Mi piace

  7. PRIMA LEZIONE: Certo che ci finirete dentro il buco nero!!!…Elena, Meri, Vitty, Renata, Rosagialla e tutte le altre croceriste tutte lì dentro, a capofitto…Ve lo debbo insegnare io che proprio nei buchi neri finiscono tutte le… stelle?…Speriamo che ciò avvenga quanto più tardi possibile, chè altrimenti la Leda perderebbe la parte migliore dell’equipaggio, ed i poveri superstiti si dovrebbero consolare solo con qualche pinta di rum.

    LEZIONE SECONDA ( x Vitty)
    Consiglio n. 1: Disegnala al meglio la tua Leda, ma non scordare di costruirvi sopra un campo elettromagnetico di tale intensità per cui il buco nero non riuscirà a catturare…le nostre stelle!
    Consiglio n. 2: Resisti alle proposte del proprietario di Mediaset di comprarsi la Leda, a lui necessaria per lo spostamento fra le isole dove possiede qualche villetta a schiera. Facci sapere a quale prezzo gliela cederesti e ti organizzo una colletta per acquistarla invece noi (ovvio, ripeto, se decidessi di vendergliela!)

    RICREAZIONE: Barzelletta: A proposito di collette e del proprietario di Mediaset, la sai quella dell’ingorgo in autostrada sotto il caldo sole di questa estate? Gli automobilisti, bloccati sulle varie corsie di marcia, sono esasperati per le lunghe ore di attesa quando dalla corsia opposta (ovviamente libera) arriva una macchina. Questa si ferma, e gli occupanti informano in maniera agitata che molto più giù (ecco la causa dell’ingorgo) un pazzo ha bloccato la macchina del Berlusca e per liberarlo ha chiesto un riscatto di seimila euro, minacciando che viceversa avrebbe versato benzina sulla macchina sequestrata e l’avrebbe data alle fiamme…Questa premessa veniva accompagnata dalla richiesta di organizzare una colletta per cui viene chiesto ai detti automobilisti un immediato consistente contributo. Uno degli automobilisti bloccati domanda a questo punto “Ma quanto avete raccolto fino ada ora?” ricevendo come risposta “Seimila litri!”

    FINE DEL CORSO SUI BUCHI NERI

    Mi piace

  8. Wow!!!!!!
    Questa sì che è una sorpresa!!!!!!!!
    Siete tutti qui!!!!!!!
    E io non c’ero!!!!!!!!!!
    Che belli i vostri commenti, che bella la nostra
    Leda!!!!!!
    Eh!!! Il cavaliere, resterà appiedato, pardon,
    ammarato! Nessuno ci metterà le grinfie!!!!!
    I sogni sono una cosa che non si possono monetizzare! Lui, convinto di poter comprare tutto e tutti, resterebbe davvero deluso, dalla nostra incorruttibilità.
    Siamo dei sognatori ” puri e duri”e non cederemo alle lusinghe.

    In quanto ai “buchi neri” Cassandro, mi sembra di essere uno yo, yo, ci entro e ci esco, come
    uno yo, yo.Le prime volte, fa davvero male, poi
    ci si abitua, come a tutto.

    La barzelletta mi è piaciuta, quegli automobilisti
    ” Si che se ne intendono ” ( Carosello docet).

    Come al solito, ho letto una sola volta e sicuramente tralascerò un mucchio di risposte,
    mi riserbo il piacere di leggermele più e più volte, trovando sempre qualcosa di nuovo!!!

    Elena sei riuscita a scrivere una storia davvero
    divertente……..ma come fai…speriamo tu
    possa stampare presto, anche chi non si ferma qua, deve conoscerti.

    Ieri sera…..no, scriverò nel pomeriggio di ieri
    sera, ho scoperto di avere una deformazioe da…….blog!

    Cassandro………ben tornato…….ciao.
    vitty.

    Mi piace

  9. Con i tipetti e le tipette che siete io la crociera in pace non me la godrò mai!…Una parola dico e voi me ne buttate addosso e subito almeno 500…Per rispondervi a tono faccio ogni notte le ore piccole…Che sulla Leda la Vitty abbia pure impiantato un “Tiro a Cassandro”?…

    x Elena

    Alt. Chi deve andare dietro la lavagna lo decide il Profffff. Quindi resta al tuo posto, sorella di Clitennestra e dei Dioscuri, moglie fedifraga di Menelao (per mia fortuna non mi intendo di maschi, ma Paride ti dà proprio la sensazione di bbono?…io me lo sono immaginato sempre un po’ st…upidello, per dirla in maniera gentile ma non rinunciando alle prime due lettere, al punto che cade nelle melodrammatiche grinfie della moglie di Menelao…anche questa l’ho sempre immaginata abbastanza sciapetta…senza sapere il tuo Paride, da buon ignorante, che Leda la aveva partorito per punire gli uomini e vendicare così la violenza e l’inganno subito da quel mordi e fuggi di Zeus…E quello che succede a seguito del suo rapimento è noto lippis et tonsoribus…Scusa Vitty ma non ho resistito dal riprendere le vesti del Cassandro che fu) ecc. ecc….

    E poi nella mitologia le “avventure” degli dei non erano panni da lavare in famiglia, in quanto come ben saprai di fatti analoghi a quelli da te esemplarmente raccontati (ti sei riletta Esiodo?) erano la norma…il paganesimo era piacevolmente piccantello…Peccato che sia stato poi distrutto dall’avvento di altre religioni.

    Tornando a te niente orecchie d’asino quindi, ma una punizione piacevole. Dal momento che, come hai dichiarato e provato egregiamente sul tuo blog (come vedi mi sono aggiornato), sei una brava artista della fotografia dovrai scovare alcune foto di classe (o di altro tipo) con personaggi che secondo te assomigliano ai croceristi della Leda (tranne Cassandro, ovviamente), e pubblicarle sul tuo blog.

    Buon lavoro e a presto.

    Mi piace

  10. x Elena

    …Anche l’aquila nasce da un uovo!

    Come fa una sub ad essere assetata…ha a disposizione tutta l’acqua di questo mondo, e per di più salata …e come sai: in sale sapientia!

    Chi ci sguazza nella mitologia ha una marcia in più…l’hanno scritta i greci…e tutto ciò che a questo mondo doveva essere detto l’hanno già detto i greci, e nel modo migliore…Attenta sgazzandoci dentro potresti scontrarti con me, e sarebbe un piacevole incontro (strictu sensu).

    Nuovo compito, dato il tuo sapiente sguazzar…I croceristi della Lega a quali abitanti dell’olimpo li paragoneresti?…eccetto Cassandro, chè lo so già (falsa modestia per falsa modestia) che mi assimileresti a…Vulcano!

    Buon lavoro e a presto sulla Leda a proiettare le tue diapositive con le accennate assimilazione.

    Se trovi la dea della gentilezza paragonala, ti prego, a Vitty, alla quale sto sempre più rubando spazio. A tutte e due il mio saluto.

    Mi piace

  11. x Elena

    Per ora rispondo qui perchè interessa Vitty. Anch’io, appena ho posto il quesito, ho visto Vitty nelle vesti leggere e svolazzanti di Ebe…non poteva essere diversamente…Concordiamo anche in ciò.

    In alternativa vedrei Vitty come Galatea (hai presente il quadro sognante di Raffaello nella loggia della piccola Farnesina?), la cui storia rende al massimo la sua delicatezza della nostra amica.

    Ssssss, però…queste cose non le facciamo sentire a Vitty, diciamocele fra noi e chiediamo agli altri croceristi se sono d’accordo o propongono altri accostamenti..se optano per Galatea ho sottomano una poesia scritta in tono assai semplice (fa parte di una serie di poesie per bambini) sul suo amore per Aci che di certo la padrona della Leda, col suo spirito romantico e giovanile gradirà. Buonanotte a te e alle altre dee e semidee.

    Mi piace

  12. Galatea!! Galatea!!
    Meglio vivere un giorno da leoni che una vita da
    pecora……….
    Che bravi a dissertare su di me!!!!!!
    Cassandro, vedo che mi cominci a conoscere…..!!!
    Posso dare l’immagine di una dolce Ebe, ma sono
    un tantino più terrestre!!!!!!!!
    E mi piacciono le emozioni! Vivo di emozioni!!
    Voi no?!
    Bellissima la trasformazione del fiume!!!!!!
    Dare ristoro a tanti esseri! interrompere
    il silenzio della natura con dolci gorgoglii!!!
    Far sognare persone come mia madre, che passeggiava appunto lungo una sua” via del fiume”…..
    Sì, sì, sìììììì, Galatea!!!!!!!!!
    Vi riempio di baciotti!
    Ci risentiamo nel pomeriggio!
    Ora devo pensare al pranzo…….Eh!!
    “..dar da mangiare agli affamati….”!

    Buongiorno dalla Gaia, Galatea!

    Mi piace

  13. Troppo semplice la storia di Aci e Galatea raccontata così. Anche Carducci, poeta che non amo, ne parla. Non so se hai presente quei versi in cui così canta:

    ??conosci la terra dove manda
    lo Jonio fragante gli ultimi baci,
    nel cui segreto mar Galatea vive
    e sui monti Aci??

    Galatea non aveva il potere di trasformare Aci in fiume…Furono le Ondine, le quali commosse dal pianto di Aci che ogni notte andava a guardare dall?alto dei monti il mare Jonio (nel quale appunto si era lanciata Galatea per sfuggire a Polifemo, ricevendo piena accoglienza dalle ninfe del mare) con la segreta speranza di rivedere Galatea, a far sì che egli si sciogliesse nel suo continuo pianto d?amore, il quale era sì tanto che diventò un fiume, e questo che scendendo a valle potè così raggiungere il mare e ricongiungersi al fine alla sua amata Galatea, che ora lì viveva.

    Do quindi seguito alla mia promessa riportando la poesia (o meglio la sua ultima parte) di un poeta moderno (il cui pseudonimo è Sergio Sestolla), nella speranza che sia gradita alla novella Galatea.

    Saper di questa storia è un piacere!
    Conoscere di Aci e Galatea,
    del pastorello che tutte le sere
    amava questa ninfa…semidea.

    Vivevano nei boschi, innamorati
    l’uno dell’altra, e l’aria risuonava
    dei loro baci, lunghi e appassionati…
    Ma un giorno mentre Aci si bagnava

    insieme a Galatea in una fonte,
    erano allegri e belli, ecco il gigante
    – ancora lo teneva l’occhio in fronte –
    volere Galatea seduta stante.

    Fugge la giovinetta e Polifemo
    si mette dietro ed è sul punto di
    raggiugerla che lei con sforzo estremo
    …un salto…e pluff, nel mare giù finì.

    A mani vuote e come un baccalà
    rimane Polifemo, e Galatea
    accolta dalle Ondine resta là…
    triste però, perchè non ha idea

    di come fare per rivedere Aci…
    ridirgli che lo ama…che vorrebbe
    stare con lui ancora e dargli baci…
    che giorno e notte lo abbraccerebbe.

    Pure il pastorello si dispera
    senza Galatea, e notte e dì
    piange per lei, e non passa sera
    che non riguardi il mare, chè così

    gli sembra di vederla. Il suo pianto
    commuove, eccome!…le ninfe del mare,
    che presto presto Aci, per incanto,
    un fiumicello fanno diventare,

    come se nel pianto si sciogliesse,
    e diventasse acqua a poco a poco
    per cui disegnando quasi un’ ‘esse’
    scende per la montagna e come un gioco

    arriva fino al mare, e allegramente
    dentro di questo entra e qui si bea
    perchè si unisce, ovvio, finalmente
    alla fedele e dolce Galatea.

    E nello Jonio ancor vivono insieme!
    Sul monte Polifemo infuriato
    invece resta solo solo e freme…
    E’ destinato ad essere fregato!”

    Sergio Sestolla

    Stretta la strada, lunga la via, dite la vostra che ho detto la mia (anzi quella di un altro).

    Un ferragostano ciao.

    Mi piace

  14. Che bella, bella, bella!
    Sono onorata da questo paragone!!
    Elena , grazie anche per Ebe, ma converrai anche tu, che questa Galatea, è proprio un’altra cosa!!!!!!!!

    Quest’autore moderno , se lo cerco in libreria, lo trovo????
    Mi piace, non è fronzoluto, è chiaro e simpatico.
    Ciao Cassandro, riesci sempre a farmi sorridere,
    grazie di esistere!!
    In certi giorni difficili, è consolatorio, starti ad ascoltare!!!!!! Ciao, ciao da vitty

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...