Benvenuto Dicembre!

Come tutti ormani abbiamo constatato è arrivato Dicembre. Un mese per lo più dedicato alle festività, a cercare e preparare pacchetti. E’ anche il mese in cui ci si dovrebbe incontrare con i parenti, anche quelli che abitano più lontano , perchè si sa le feste Natalizie riuniscono le famiglie!!!

E lo scambio di doni o auguri con gli amici!!

Questo è quello che dovrebbe essere. Mi chiedo, ce la faremo quest’anno? O saremo di nuovo invitati a restare ognuno nella propria casa, col proprio nucleo familiare giusto per evitare contagi?

Quello che mi manca più di tutto da che è arrivato il Covid, sono gli abbracci e i baci con gli amici o parenti lontani. Io vengo da una famiglia ” baciosa” , le mie sorelle lo possono testimoniare. Mamma, più che babbo, non perdeva occasione per darci dei baci. Anche quando si usciva o si rientrava a casa oltre il saluto, c’era il bacio affettuoso sulla guancia. Con i parenti di mamma lo stesso. Fra le zie e gli zii, era tutto un abbracciarsi e baciarsi. A me piaceva tanto. Perchè quelle manifestazione di affetto mi facevano sentire amata, accettata, protetta. Da quei baci non c’era niente da temere, c’era solo tanta gioia di vederci.

E questa gioia mi è rimasta dentro con la voglia di trasmetterla

Anche quando sono diventata mamma ho baciato e abbracciato i miei figli in ogni occasione.

Mia suocera non condivideva, mi diceva che i figli si baciano quando dormono. Io le rispondevo con un sorriso e un bacio, aggiungendo che siccome i figli erano miei, li avrei baciati quanto mi pareva! E ho fatto bene, perchè il tempo non passa….galoppa!!!

Anche ques’anno nelle decorazioni natalizie, metterò il vischio in cima ad una porta, così potrò immaginare di ricevere un bacio ogni volta che passerò di la’ sotto!!!

Quanto mi mancano queste dimostrazioni affettive! Chissà se anche quest’anno gli auguri ce li faremo tramite telefono o messaggini! Noi non abbiamo nessun parente nella mia città. Tutti lontani. Quindi so già che chiuderò gli occhi, mi farò prendere per mano dai ricordi e mi farò sommergere dai baci di chi c’è e di chi non c’è più.

baciosamente vostra, Vitty.

Autore: vittynablog

Mi piace scrivere e condividere le mie idee con quelle degli altri

14 pensieri riguardo “Benvenuto Dicembre!”

  1. Quanto mancano anche a me le aperte dimostrazioni d’affetto! I baci e gli abbracci …
    Per fortuna la mia Sissi si lascia accarezzare il suo pelo ricciuto e Byron, il gatto rimasto orfano di padrone che ogni tanto mi viene a trovare, mi contraccambia con un rumoroso ron-ron

    Piace a 1 persona

  2. Quanto sei tenera Luisa! Anche il mio cane Ugo è un gran coccolone e pure il gatto Oliver sa donare tanto affetto! Però i baci e abbracci delle mie sorelle hanno qualcosa in più!!! Per fortuna qua nel blog possiamo abbracciarci quanto ci pare! Quindi eccoti un abbraccione cara Luisa!! ❤ ❤ ❤

    "Mi piace"

  3. Sai. Vengo da zone in cui l’affetto e di quelli forti. Dimostrato. Lo sentì a pelle e sottopelle. Persino tra noi maschietti, cosa che non sempre è scontata, anzi!!
    E si, manca molto, anche se non appena il covid allenta la presa abbiamo di che darci affetto. Un po’ stile Gomorra.
    Lo ammetto.
    Ma c’è enorme sincerità.
    Siamo noi.
    Misi una foto di noi su Instagram. Il compleanno di uno di noi della comitiva di sempre. L’ho intitolata “quelli come noi”.
    Baciosamente, denken ☺️

    Piace a 1 persona

  4. Cara Vitty, tu che scrivi: “Quello che mi manca più di tutto da che è arrivato il Covid, sono gli abbracci e i baci”, hai per caso letto nella mia mente o in quella dei tuoi commentatori?

    Così: “domando per un amico”.

    Buona serata!

    CONTATTO PER STRETTA DI MANO

    E’ diventato sempre più acuto
    il desiderio di stringer la mano,
    avere un contatto a mo’ di aiuto,
    sentire un quid caldo ed umano,

    – di abbracci e baci manco ne parliamo! —

    per porgere, ed indietro riavere,
    un afflato di vita, pure se
    si tratta di un attimo, ed intere
    scacciar le solitudini. Non c’è

    minimamente – e mica scherziamo! —

    nulla, ma proprio nulla che lo possa
    sostituire . . . No, non siamo uccelli,
    che volano in cielo, a noi scossa

    di vita dà il contatto . . . anche i castelli
    non reggono in aria, e luna rossa
    stando lontano irride ai sogni belli!

    Senza contatto . . . ma perché viviamo?

    La mano, il palmo, il dorso, le tue dita
    fammi toccare e avrò gioia infinita,

    che ritrasmetterò subito a te,
    che ben conosci a fondo, ovvio, il “perché”!

    Il covid perciò malediciamo
    pure per questo dono . . . Salutiamo!

    (Cassandro)

    Piace a 1 persona

    1. Caro Cassandro, rispondo così, alla ” domanda per un amico ” , lo so che non ho scoperto l’acqua calda nel dire che mi mancano i contatti durante i saluti. So bene che mancano a tutti, perchè siamo persone abituate a trasmettere sentimenti di affetto e di amicizia attraverso strette di mano baci e abbracci. Doversi tenere a debita distanza da tutti, con tanto di mascherina, penalizza qualsiasi sentimento. Mi chiedo se mai torneremo ad avere gli stessi contatti con naturalezza, come accadeva ” prima”. Ultimammente mi ritorna spesso in mente la bella poesia di Salvatore Quasimodo:

      ” Ognuno sta solo sul cuor della terra
      trafitto da un raggio di sole
      ed è subito sera.”

      Non ti sembra che questa mancanza di contatti ci faccia sentire più soli ” sul cor della terra” ?

      Ho esternato il mio rammarico perchè temo di diventare una persona arida, quando invece tutto nel mio essere mi porta alla condivisione, non voglio chiudermi anche alle parole. C’è una poesia bellissima di Neruda, che ovviamente parla d’amore e non c’entra niente con i baci e gli abbracci dell’amicizia. Però fa capire che con le parole e il pensiero, si può arrivare la’ dove non avremmo mai pensato di arrivare. Ed è tramite le mie parole che lamentavano questa mancanza , che mi sono arrivati baci e abbracci da amici lontani ma che il mio cuore sente vicini.

      Ti manderò un bacio con il vento
      e so che lo sentirai,
      ti volterai senza vedermi ma io sarò li
      Siamo fatti della stessa materia
      di cui sono fatti i sogni
      Vorrei essere una nuvola bianca
      in un cielo infinito
      per seguirti ovunque e amarti ogni istante
      Se sei un sogno non svegliarmi
      Vorrei vivere nel tuo respiro
      Mentre ti guardo muoio per te
      Il tuo sogno sarà di sognare me
      Ti amo perché ti vedo riflessa
      in tutto quello che c’è di bello
      Dimmi dove sei stanotte
      ancora nei miei sogni?
      Ho sentito una carezza sul viso
      arrivare fino al cuore
      Vorrei arrivare fino al cielo
      e con i raggi del sole scriverti ti amo
      Vorrei che il vento soffiasse ogni giorno
      tra i tuoi capelli,
      per poter sentire anche da lontano
      il tuo profumo!
      Vorrei fare con te quello
      che la primavera fa con i ciliegi.

      ( Pablo Neruda )

      Grazie per i versi che dicono tutto quello che abbiamo perduto…

      ” E’ diventato sempre più acuto
      il desiderio di stringer la mano,
      avere un contatto a mo’ di aiuto,
      sentire un quid caldo ed umano,”

      Questo covid è davvero disumano,

      ” perciò malediciamo
      pure per questo dono . . . Salutiamo!”

      Grazie ancora Cassandro per questa tua vicinanza, e scusa se mi sono fatta prendere la mano con le parole. Un caro saluto, Ciao!!!

      "Mi piace"

  5. Io di messaggi d’auguri ne mando oltre 100 ad ogni Natale e ad ogni Pasqua. Di norma ci metto una mattinata intera a mandarli, sia perché sono tanti, sia perché via via mi segno su un foglio a chi li ho mandati, così so per certo chi ho già “smaltito” e chi invece deve ancora ricevere il mio messaggio. Ci tengo così tanto perché ci sono molti rapporti che ravvivo solo in queste occasioni, e anche perché tante persone (me compreso) ci rimangono veramente male quando vengono ignorati da qualcuno a cui tengono perfino in un’occasione speciale come il Natale o la Pasqua.

    Piace a 1 persona

    1. Non pensavo si scrivessero ancora biglietti di auguri! Sei veramente una persona eccezionale, e fai bene a mantenere questa tradizione. Con le mie sorelle, tutte lontane, ci facciamo lunghe telefonate, così con altri parenti pure loro lontani, ci telefoniamo o ci inondiamo di messaggi affettuosi. Ma la penna ahimè, non la prendiamo più. Complimenti wwayne per aver mantenuto questa cara usanza. Spero ne riceverai tantissimi di biglietti di auguri!!!! 🙂

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: